Il primo blog dedicato esclusivamente alla ristrutturazione della tua casa!

Condividi con i tuoi amici e aiuta la crescita di questa community gratuita!

Hai del terreno a disposizione? Che aspetti? Costruisci una piscina, ma prima di farlo è bene informarsi su quali permessi sia necessario avere per non doverla smantellare prima di ultimare definitivamente i lavori.

Non rientrando nell’edilizia libera, in Italia, la costruzione di una piscina richiede determinate autorizzazioni, pena il rischio di incorrere in ingenti multe e dover rispondere all’accusa di abuso edilizio, con le relative conseguenze.

Costruire una piscina interrata

Con la costruzione di una piscina interrata il giardino e tutta la casa acquisteranno un valore diverso, senza poi, contare l’aspetto estetico e quello ludico.

Per poter realizzare una piscina interrata, bisogna affidarsi a professionisti del settore, i quali sapranno non solo valorizzare al meglio lo spazio esterno, consigliandovi la struttura più adatta, ma vi forniranno anche materiali e garanzie di alto livello.

La piscina interrata è un vero e proprio bene di lusso; infatti, nel momento della dichiarazione dei redditi si deve dichiararla.

Una piscina interrata aumenta la volumetria della casa e su di essa si pagano delle tasse di proprietà. Rappresenta un vero e proprio intervento di costruzione e richiede la presentazione dei relativi permessi.

Costruzione di una piscina: quali sono i titoli richiesti?

Per qualsiasi costruzione è richiesto il Permesso di Costruzione che viene concesso sotto forma di Concessione Edilizia dal Comune in cui si vanno ad eseguire i lavori.

In alcuni casi però l’autorizzazione comunale non è sufficiente, in particolare quando deve essere costruita su un terreno che deve sottostare alle autorizzazioni paesaggistiche.

Piscina interrata: come evitare l’Abuso Edilizio?

Nel caso in cui si costruisse una piscina interrata senza i regolari permessi e le autorizzazioni si andrebbe incontro ad un abuso edilizio.

Questo potrebbe essere condonato solo in alcune condizioni: il rischio potrebbe essere quello di dover smantellare la piscina per ripristinare le condizioni esistenti precedentemente. Il dispendio di soldi ed energie sarebbe altissimo.

Si potrebbe evitare la demolizione della piscina se, una volta scoperto l’abuso edilizio, tramite presentazione di formale richiesta, si riscontrassero parametri che ne renderebbero possibile l’esistenza.

In questo caso sarebbe sufficiente pagare quanto dovuto all’ente per poter sanare l’abuso e regolarizzare la situazione.

Se la piscina interrata, invece, fosse stata costruita su un terreno non compatibile con le regole e le leggi paesaggistiche dovrà essere demolita.

La Cassazione si è recentemente espressa in tal senso proprio per un caso simile di costruzione abusiva in luogo non compatibile con le leggi paesaggistiche.

Prima di costruire una piscina interrata è bene informarsi prendendo contatti con degli esperti del settore oltre che con il Comune.

È utile anche mettersi in contatto con un geometra che sarà in grado di dare indicazioni e informazioni precise sulla fattibilità del progetto.

In questo modo si potrà costruire la propria piscina in tutta sicurezza e non si rischierà di doverla smantellare o di pagare delle sanzioni per averla eretta senza aver prima aver presentato formale richiesta.

Tipologie di piscine interrate

Una volta capito l’iter burocratico da rispettare per costruire una piscina interrata, è bene valutare attentamente quali sono le principali tipologie di piscine interrate che possono essere installate nel tuo giardino.

  • Piscine in pannelli d’acciaio, rappresentano lo standard delle piscine residenziali ed offrono un buon compromesso tra la velocità di installazione e la durata dell’investimento nel tempo,
  • piscine in vetroresina che consentono un’elevata personalizzazione: forme strutturali particolari e colori,
  • piscine interrate in cemento armato, sono le più diffuse in assoluto anche se non rappresentano la migliore soluzione in assoluto. Le possibilità di personalizzazione sono piuttosto illimitate e i costi sono piuttosto esosi.